• 00001.jpg
  • 00002.png

Ricominciamo

Ci eravamo lasciati con la palla ferma all’incrocio delle righe di fondocampo in una palestra desolatamente vuota. L’ultimo allenamento, l’ultima doccia, l’ultimo atleta ad uscire che con la borsa a tracolla aveva salutato e si era incamminato verso casa nella sera umida e fredda di fine febbraio.

Ci eravamo lasciati con sulle labbra un arrivederci a domani e la sensazione che tutto poteva cambiare nello spazio infinitesimale di un battito di ciglia ma nemmeno il più pessimista di noi poteva immaginare che l’arrivederci sarebbe stato un arrivederci lungo sei mesi.

Sei mesi durante i quali la palla sarebbe rimasta desolatamente ancorata a terra e noi avremmo imparato a confrontarci col virus, l’avversario più subdolo e ostico di tutti.

I primi tempi sono stati certamente i più duri, da animali da palestra quali siamo abbiamo dovuto giocoforza trasformarci in animali da salotto (o nei casi più fortunati, da giardino). Abbiamo fatto di necessità virtù e anche chi, come il sottoscritto, per anagrafe e insofferenza verso il “mezzo” ha sempre preferito un “menù” tradizionale a quello digitale, per poter mantenere un seppur flebile contatto col mondo e soprattutto col mondo del Volley ha dovuto arrendersi ed imparare l’ABC dell’informatica.

Se non si potevano raccontare nuovi match perché tutto era “sospeso” il desiderio di pallavolo era tale che si andava alla ricerca dei migliori incontri del passato e ognuno poteva compilare la sua personale play list.

Le palestre erano chiuse, la nostra vista confinata nei metri quadri del nostro appartamento, e allora via al florilegio di training on line ed il salotto o la cameretta si trasformava in una mini palestra. Dal ripostiglio si recuperavano quegli oggetti che potevano adattarsi ad attrezzi ginnici e i più audaci e digitalmente scafati condividevano in diretta le lezioni on line di modo che, seppur parzialmente e per la sola durata della seduta, si ricreava a distanza l’atmosfera dello spogliatoio.

A questi sono poi seguiti i lenti mesi della ripresa, scanditi da parziali aperture che però hanno interessato prioritariamente i settori socio economici. Comprensibile, c’era un “mondo” da riattivare, meno comprensibile però che lo Sport sia stato relegato ai margini sino ai giorni nostri con le palestre ancora chiuse.

Ma bando alla malinconia e alle lamentele, che al di là di valere quale sfogo individuale, non portano da nessuna parte; finalmente abbiamo rotto gli indugi e dopo tante parole e buoni propositi, dopo sei mesi trascorsi a domandarsi come sarà la ripresa e soprattutto quando si potrà nuovamente ritornare a calcare il parquet, con ostinazione e determinazione si è dato il via alla nuova stagione.

Stagione che per il Centro Coselli ha avuto ufficialmente inizio con l’incontro che mercoledì sera, ospiti dei locali dello sponsor Bar H24, ha visto la formazione della serie C maschile far la conoscenza con coach CUTULI. Sui volti di tutti i presenti si poteva leggere l’emozione del primo giorno di scuola, emozione che si è subito sciolta dopo i saluti di benvenuto e di ben rivisti da parte della Dirigenza e che nel prosieguo ha trovato nel coach il monopolizzatore, e non avrebbe potuto essere diversamente. Mr. CUTULI ha approfittato dell’occasione per esporre il suo credo pallavolistico anticipando quelle che nei prossimi mesi saranno le modalità di lavoro e gli obiettivi stagionali.

“Rolling stones”, come pietre rotolanti che una dopo l’altra scendono veloci per il pendio, dopo l’overture di mercoledì sera ecco per l’indomani già programmata la prima seduta di preparazione fisica, svoltasi a Campo Cologna sempre agli ordini di coach CUTULI.

Venerdì, invece, battesimo stagionale del femminile con le ragazze dell’U17/19 che inizieranno a faticare tra gli alberi e i vialetti di Passo S. Andrea agli ordini del confermatissimo coach Cola.

Insomma, pur se con le dovute cautele e nel rigoroso rispetto delle disposizioni anti-Covid, ben tornata Pallavolo.

 

© 2020 Centro Coselli Via Carli 1/3 Trieste - Codice Fiscale: 90026060328 - Codice Fipav: 070310083 - IBAN ZKB: IT28Z0892802205010000028333