Nel segno di Zoran

CENTRO COSELLI – C.U.S. TRIESTE 0-3 (19/25-20/25-20/25).
CENTRO COSELLI: RIMBALDO 16, D’ORLANDO 5, GUIDO 4, CORAZZA 3, JERONCIC R.3, PARON (k) 3, CALVINO, JANNUZZI, TALIENTO, CRISTOFOLETTI, PECALLI (L1), RIGONI(L2).
All. Sig. Gregor Jeroncic
 
Sabato sera è scesa alla Morpurgo la formazione capoclassifica del CUS Trieste ben intenzionata a mantenere la leadership della graduatoria e a proseguire, anche nella fase discendente del torneo, la serie di vittorie consecutive che l’accompagna sin dalla prima giornata di campionato di cui la gara dell’altra sera ha segnato il giro di boa. Gli universitari hanno impartito ai grigio/arancio di casa (tali i colori della nuova divisa da gioco sfoggiata per l’occasione) una lezione "accademica".
Ad un osservatore neutro che non conoscendo nulla delle due squadre avesse assistito alla fase di riscaldamento sarebbe senz’altro balzata agli occhi la differenza di centimetri e stazza fisica esistente tra le due formazioni a tutto vantaggio del Coselli ma il responso del campo ha invece confermato che seppur nella pallavolo sia evidente a tutti che i centimetri in più possono senz’altro aiutare non sono di per sé sufficienti a vincere una gara.
Il C.U.S. ha esibito il suo gioco veloce e la buona organizzazione difensiva mettendo in mostra, ancora una volta, le non comuni doti di regista arretrato del libero Agnello.
Di contro i padroni di casa hanno approcciato bene la gara riuscendo in entrambi i primi due set a contrastare alla pari i forti avversari sino a quasi metà periodo salvo poi smarrirsi nella fase centrale la stessa in cui la squadra universitaria, dopo averla lavorata ai fianchi cogliendone la guardia abbassata ha deciso di sferrare l’attacco decisivo.
Nel terzo periodo tutto facile per il CUS che ad un certo punto guida con un vantaggio in doppia cifra che sperpera nel finale quando ha commesso l’errore di dare per scontata la vittoria prima del limite.
In questa fase di "fragilità universitaria" l’orgoglio Coselli e alcune buone giocate hanno ad un certo punto fatto sperare nel miracoloso recupero.
Bravo è stato il coach avversario a far riprendere la giusta attenzione ai suoi giocatori che hanno saputo chiudere l’incontro.
Se il Coselli pur sconfitto ha dato segni di ripresa che fanno sperare in un “ritorno” da maggiori soddisfazioni la formazione nero/gialla ha dimostrato di meritare il primato anche perché le 11 vittorie consecutive sin qui collezionate sembrano non averne placato affatto la fame di punti e vittorie.
In chiusura approfitto per formulare l’augurio di Benvenuto al nuovo coach Gregor Jeroncic che ha ereditato la panchina del fratello quel Zoran che tutti noi salutiamo con affetto e a cui auguriamo le migliori fortune per la sua avventura alla guida della formazione femminile del Maribor impegnata nel campionato di Lega 1 Slovena.
© 2020 Centro Coselli Via Carli 1/3 Trieste - Codice Fiscale: 90026060328 - Codice Fipav: 070310083 - IBAN ZKB: IT28Z0892802205010000028333