Acqua Azzurra

AZZURRA RDR vs CENTRO COSELLI:3-1 (13/25-08/25-10/25)
COSELLI: PISCHIANZ, MEDANI, CANARUTTO 5,  COCOLET 10, BODIGOI 5, BERLIAVAZ 18, OTTA (L1), DE TONI (L2), SFREDDO, COLA 14, ZUTTION  (K)11,
 
 Per il Coselli la gara di sabato sera con l’Azzurra  doveva essere la “nona sinfonia” è stata invece una “stecca” senza pari.
Che non sia la serata giusta lo si subodora già dal riscaldamento dove brilla l’assenza della centrale Cruciti, trattandosi del match clou del girone non è una gran bel inizio e i primi scambi confermano le peggiori sensazioni. L’Azzurra conquista il primo cambio palla e poi infila 8 punti di seguito affondando come la lama nel burro della nostra ricezione  e costringendo coach Levatino al primo time out. Patron Levatino richiama le proprie atlete ad una maggior concentrazione e determinazione ed in effetti al rientro in campo una volta conquistato il cambio palla Bodigoi si porta sulla linea dei nove metri ed inanella una serie di battute che mettono in seria difficoltà la ricezione avversaria tanto che per la parità è sufficiente il tempo di un amen. Adesso sono le padrone di casa a chiedere time ma al rientro in campo è ancora Coselli e il risultato si dilata sino al più sette (18/11) e rimarrà tale sino alla conclusione del periodo.
Scampato il pericolo l’apertura della seconda frazione è ancora favorevole alla formazione di via Locchi ma è un’illusione. L’Azzurra riordina le idee e ricomincia a macinare il suo gioco grazie alla precisa regia di Goos ex Coselli, la pessima ricezione bianco azzurra fa il resto. La parità è questione di poco, le padrone di casa sembrano  inarrestabili mandando ben presto in confusione le “coselline”.
Il team di Largo Papa Giovanni gioca con ordine e precisione, copre bene la sua metà campo e risulta sempre molto attento tutto il contrario delle “nostre” che vanno a sussulti e scossoni spesso confidando più nei colpi del singolo che nella coralità del gioco.
Il terzo set ricalca il precedente, partenza favorevole al Coselli che si porta rapidamente a condurre per 6 a 1 subito incalzato dal ritorno delle padrone di casa che come un “diesel” sembrano aver bisogno di portare il motore ai giusti giri ma quando lo fanno non ce n’è più per nessuno.
Il Coselli resta aggrappato al risultato più con l’orgoglio e grazie a qualche errore di troppo da parte delle “azzurre” ma in realtà la truppa del duo Levatino/Cola non dà mai la reale impressione di poter rientrare in partita.
Sul 2 a 1 per l’Azzurra ti attendi la reazione del Coselli che invece sembra non averne più. La quarta frazione continua con le padrone di casa che comandano il gioco a loro piacimento mentre un Coselli sempre più confuso dove una spenta Zuttion viene avvicendata inserendo Sfreddo al palleggio e spostando Canarutto nel ruolo di opposto gioca le ultime carte per tentare di riacciuffare il risultato.
La mossa in effetti dà pure i suoi frutti ma sono ancora troppi gli errori commessi dalle “coselline” poco lucide nelle scelte di gioco ed oltremodo fallose nella fase di difesa per poter sperare seriamente di invertire il trend.
L’Azzurra non sbaglia quasi più un colpo ma quei pochi sono sufficienti a  consentire al Coselli di impattare sul punteggio di 20 pari e le “coselline” a questo punto potrebbero riaprire il match. Per l’appunto potrebbero ma non lo fanno.  Le atlete della Repubblica dei Ragazzi sono determinate a chiudere la contesa e una volta rimboccate le maniche si riportano in vantaggio. Sul punteggio di 24/20 le padrone di casa trovano l’ennesimo ace in battuta della serata a coronamento della partita perfetta.
E’ quindi un ace  a scrivere la parola fine di una gara che già nel preambolo conteneva l’epilogo.
Dalla sconfitta odierna per le ragazze di via Locchi molto su cui riflettere. Buon lavoro.
© 2020 Centro Coselli Via Carli 1/3 Trieste - Codice Fiscale: 90026060328 - Codice Fipav: 070310083 - IBAN ZKB: IT28Z0892802205010000028333